Sterilizzazione del materiale

Curarsi in sicurezza dal dentista

Presso lo StudioAmosso, la Vostra salute è al centro del nostro interesse ed è per questo che tutti i pazienti vengono trattati solo con strumentario sterile o monouso  in linea con rigidi protocolli di sterilità. Ogni fase del processo di disinfezione e sterilizzazione viene eseguita, da personale dedicato, con estrema serietà ed attenzione, al fine di garantire la completa distruzione di tutti i microrganismi patogeni. La nostra sala di sterilizzazione si compone di un’area dello sporco ed un’area del pulito. Ciascuno strumento, dopo essere stato utilizzato, entra nel ciclo dello sporco dove ha inizio il processo di sterilizzazione. Una volta sterili, gli strumenti sterili vengono immagazzinati in un’area del pulito al fine di prevenire eventuali contaminazioni crociate fra gli strumenti in uscita e quelli in entrata.

icona-1

Decontaminazione, lavaggio, termodisinfezione e asciugatura

Con un apparecchiatura semiautomatizzata definita termosinfettore (Tethys H10 Plus, Cefla conforme alle norme EN ISO 15883-1/2)  la decontaminazione, il lavaggio, la termodisinfezione e al’sciugatura dello strumentario operatorio vengono eseguite in un solo passaggio.

icona-2

Controllo visivo

Terminata questa prima fase, sotto una lente ad ingrandimento l’operatore esegue un controllo visivo dello strumentario per verificarne la pulizia; eventuali macchie o residui vengono eliminati.

icona-3

Confezionamento

Lo strumentario viene suddiviso, inserito all’interno di buste termosaldate dalla sigillatrice e distribuito nei vassoi dell’autoclave. Ogni busta è dotata di indicatore di indicatore di sterilità

icona-4

Sterilizzazione

La sterilizzazione viene eseguita in autoclave di tipo B a 134° C. Tale procedura consente l’eliminazione di i tutti i microrganismi patogeni (virus, spore, batteri e funghi).

icona-5

Stoccaggio

Lo strumentario sterile imbustato viene depositato negli appositi scomparti.

Test di sterilizzazione

Il nostro staff esegue quotidianamente i test di corretto funzionamento dell’autoclave nonché la sua manutenzione, seguendo modalità e tempi indicati dal produttore. Ogni test di avvenuta sterilizzazione viene poi archiviato all’interno di un apposito registro.

Helix test

Valuta la capacità di sterilizzazione all’interno di corpi cavi come canule di aspirazione o manipoli. E’ un test giornaliero che si effettua dopo la prova del vuoto e prima del normale utilizzo dell’autoclave

Test del vuoto

Test di tenuta del vuoto dell’autoclave (l’autoclave sterilizza alla pressione di 1 atm). E’ un test giornaliero che si effettua ad avvio della sterilizzatrice, prima di iniziare i cicli di sterilizzazione. 

Integratori chimici di sterilizzazione

Sono dispositivi che interagiscono con tutti i parametri del ciclo, (pressione, temperatura, tempo) certificandone la corretta stabilità e quindi funzionamneto dell’autoclave. Test eseguiti ad ogni ciclo di sterilizzazione.

Bowie dick test

Valuta la capacità di penetrazione del vapore nei corpi porosi come le garze. E’ un test giornaliero che si effettua dopo la prova del vuoto e prima del normale utilizzo dell’autoclave